Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

File elefanti

Graffette

Graffette

Fino a quando si devono inviare pochi Mega quasi tutti i servizi di posta se la cavano (più o meno egregiamente) e ognuno ronfa tranquillo.

Ma se dobbiamo spedire file di grosse dimensioni? Non possiamo intasare le caselle altrui con file elefanti, pesanti all’invio ed enormi da scaricare poi: l’antivirus impiega 20 anni per la scansione, la banda viene occupata tutta dal download del file e (come molto spesso succede) Outlook (o similari, compreso il download automatico di Windows) si stancano e si sconnettono dal server, facendoti perdere la parte già scaricata.

Costi, improperi lanciati al mittente del file, ore perse a recuperare questo benedetto allegato.

C’è una soluzione disponibile e abbastanza intuitiva? Sembrerebbe di sì.

Pando, StreamFile, PodMailing, FilesFrom sono 4 ottime alternative alla ben più nota GigaMail di Alice (che non è la panacea di tutti i mali: funziona a giornate, a volte per stimolarla a lavorare si ricorre ai riti vodoo).

Principalmente il discorso non cambia: viene caricato un file sul server e ne viene reso disponibile il download.

Ai destinatari arriva solo un link da cui scaricare il file, potendosi così avvalere di programmini come GetRight (comodo ma a pagamento) o Download Accelerator Plus (DAP) (versione base gratuita, potenziata a pagamento) che partizionano il download accelerandolo (e salvandolo su PC, così se s’interrompe non si perde la parte già scaricata).

I criteri per un buon file-sharing per email di solito sono:

  • Costo (alcuni per offrire più banda chiedono un piccolo contributo economico)
  • Spazio disponibile (da 1 a 4 Giga: dipende dalle vostre esigenze)
  • Tempo di upload (calcolatelo però chiudendo altri programmi mangia-banda del tipo Msn Messenger, eMule e via dicendo)
  • Tempo disponibile download (per quanti giorni rimane sul server?)
  • Protezione estranei (alcuni offrono una password per limitare il download ai diretti interessati)

Occhio però a non condividere file illegali e videogiochi: potreste far la fine di questa donna inglese, costretta a pagare un accordo da 300 o una causa da 16.000 sterline.

Affascinati dalla posta elettronica? Guardate il viaggio di una mail su Gmail: la realizzazione del video lascia senza parole, ottimo davvero. Complimenti.

Marco

Annunci

Commenti su: "File elefanti" (1)

  1. […] Rimane il vecchio sistema: caricate l’allegato sul web con un servizio apposito (–>File elefanti) e poi spedite con Gmail il link. Voto: […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: