Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

Video (in)coerenza

La videocamera permette di eseguire riprese eccezionali (per il semplice fatto che ha dei fotodiodi enormi -quasi come una reflex- e quindi permette di catturare le immagini con una maggior qualità rispetto a compatte e telefonini) ma il problema è: quale?

I marchi leader del settore sono JVC, Sony, Panasonic e Canon. Partendo dal concetto che, pur volendo bene a tutti, alla fine ne rimarrà solo uno, vediamo con quali criteri scegliere la nostra compagna d’avventura.

Di videocamere ce ne sono di due tipi: normale/compatta amatoriale e da semi professionista. La differenza, oltre che nel nome, si sente anche nel prezzo: massimo 1.000 euro le prime, dai 1.200 euro in su le seconde (ma i modelli più evoluti registrano già in Alta Definizione HD).

Per semplificarci la vita assumiamo il fatto che le seconde hanno un attacco per microfono tripolare (quello da professionisti) e una qualità da applausi ma noi vogliamo rimanere in ambito amatoriale (la scelta è dettata semplicemente dal fatto che non ho un’esperienza diretta con le seconde: meglio parlare di ciò che si è toccato con mano, no?😉 ).

Optiamo allora per le compatte. La vera differenza la fa il supporto di registrazione: miniDV, miniDVD, HDD (Hard Disk Drive, registrano direttamente su disco fisso).

Può esser difficile scegliere perchè ogni formato presenta vantaggi e svantaggi. Vediamoli nel complesso:

  • miniDV: Evoluzione delle cassette DV, hanno il vantaggio di costare poco, di esser riutilizzabili (fino a 3-5 volte massimo, il nastro è molto sensibile), durano 60 minuti e sono minuscole (facilmente trasportabili). Per contro tutti i difetti del nastro: si usurano molto rapidamente (pensate ad una videocassetta registrata 20/30 volte, per rendervi conto), sono una spesa continua, rischio di registrare in maniera ballerina e discontinua (a causa di problemi legati al nastro), il riversaggio è manuale (una volta attaccata al pc dovete aspettare tutto il tempo della registrazione, importazione 1:1 lentissima) ma soprattutto la qualità video è bassa (migliore rispetto al telefonino ma un po’ sotto agli attuali standard).
    Dopo aver importato quasi 10 ore di filmato (con alche qualche fastidioso salto che non si è potuto correggere) in questo formato ormai le conosco bene😉 : una buona scelta per chi è alla sua prima videocamera.
  • miniDVD: Molto più costoso rispetto ai normali dvd permette di registrare solo 30 minuti inoltre è da riportare 1:1 in avi nel caso il video serva per il montaggio.
    Utile per chi non deve rieditare i propri filmati, permette una buona qualità audio/video: unico neo sono i i mini DVD troppo piccoli e la difficoltà nel riutilizzare questi filmati sul PC..
  • Hard disk: A partire da 30 GB, consentono la registrazione di varie ore con una qualità sicuramente più alta. La minima differenza iniziale si ripaga non dovendo acquistare più supporti e avendo una stabilità costante di registrazione. L’unico svantaggio è la mancanza di supporti rimovibili (bisogna attaccare il cavo USB) e il salvataggio in un formato ibrido che, tramite lo speciale programma, permette di essere esportato in avi, divx, mpeg2 e via dicendo. Ma per il resto la qualità rimane sempre ad un buon livello (sia audio che video).
    Certo, si può rompere il disco fisso (è la vita) ma se la casa produttrice è seria (ovvero fornisce un buon servizio assistenza) il problema non si pone.

Ricordatevi la batteria: quelle in dotazione rasentano i 60/70 minuti (ma d’altronde le originali da 2 ore e mezza costano 100 e passa euro).

Se potete cercatela compatibile: la durata è uguale ma costa 1/5, pur mantenendo una buona qualità per quanto riguarda la tenuta della carica e le cellette dei contatti.

Se non siete in movimento usate un treppiede: la ripresa ne guadagnerà enormemente in stabilità e godibilità, fidatevi😉 .

Sony e Panasonic sono molto valide per le miniDV e miniDVD (considerando il costo dei vari supporti), Canon e JVC sono molto valide per quanto riguarda il disco fisso (considerando che JVC rimane un must del settore). A voi la scelta e buone riprese!

Marco

Commenti su: "Video (in)coerenza" (1)

  1. Ciao Cobain!
    Io possiedo una Samsung miniDV comprata nel ’05 e si è sempre comportata bene, per il trasferimento dei video avendo un portatile, ho sempre utilizzato una connessione fireware.
    Ti confesso che rispetto alla vecchia 8mm che possedevo, la qualità delle immagine è migliorata parecchio.
    Però adesso con i prezzi che circolano, una HDD la prenderei al volo!
    Il prezzo alla fine è quello che fa la differenza, ma se come me utilizzate la videocamera per usi non professionali, un HD da 30gb può essere più che sufficiente!
    Credo che alla fine vinca la preferenza personale, l’estetica dello strumento e le caratteristiche.
    Piuttosto che avere qualcosa che poi magari non sai nenache dove mettere le mani!😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 270 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: