Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

I casini della compa

Dopo un sabato sera passato a vedere Giova che fraternizzava con la ragazza Mamma mia (vedi serie di articoli) ho capito che era ora di voltare pagina.

E così, qualche giorno dopo, messaggiando, gli ho dato qualche dritta per poter meglio conquistare il cuore della fanciulla che, in 2 mesi, ha quasi raso al suolo il mio.

Il tizio, calabrese che vuole aver ragione fino alla morte, si crede un sotuttoio strafottente e mi risponde in modo arrogante. Io cerco, senza offendere nessuno, di rispondergli a tono (sempre via sms) e la cosa muore lì.

Giova, a questo punto, deve liberarsi di me, sono una presenza scomoda (sia per la sua improbabile conquista che per il film) e così mi dà il ben servito, mettendo in mezzo anche la ragazza (che dopo, al telefono, dirà che aveva dato solo la disponibilità di casa sua, senza cacciare nessuno).

Poi, non contento, fa vedere solo i messaggi ricevuti (e non quelli che lui aveva inviato) così mi fa passare per stron2o nei confronti della ragazza. La chiamo, chiariamo (per fortuna) e per il fattore patonza tutto sembra risolto.

La cosa però più divertente sono stati i punti della telefonata di Giova, che ora voglio analizzare con voi:

– Vuole ricominciare il film DA CAPO, buttando all’aria circa 12 domeniche pomeriggio di lavoro, di riprese, ecc. ecc.. Sostiene che le riprese erano diverse da come le aveva scritte (preciso che lui era SEMPRE sul set: potevi dirlo prima no? E poi dallo scritto al video si deve ADATTARE SEMPRE E COMUNQUE, sono due cose diverse!).
Dice che fanno SCHIFO (ha parlato quello che non sa la differenza tra un primo piano e un campo lungo).

– A seguito del cambio di set si dovrà girare con una videocamera Mini DV (quella della ragazza). Assisteremo (non per colpa delle persone ma dei mezzi) ad un calo ponderale di qualità (memore il mio Ciak esami girato con un aggeggio simile) e ad un cambio di attori (uno che deve fare la mia parte, quella di Sabba e forse anche una nuova ragazza che sostituisca Betty).

– Bisognerà montarlo, e anche qui bisogna vedere chi lo farà e con quale programma: farlo con Movie Maker è da suicidio, con Power Director/Pinnacle siamo lì, il top sarebbe con Adobe Premiere ma bisogna fare un corso solo per capire l’interfaccia.

A me dispiace se qualche mio messaggio è stato frainteso (e ho fatto scuse doverose a Mamma mia per l’incomprensione) ma Giova non si rende conto che, facendo così, va a penalizzare il lavoro di tante persone.

Per sicurezza io non cancello niente dal mio disco fisso (al limite lo sposto sul Verbatim da 500 GB): metti che cambino le cose non voglio perdere tutto il girato.

Ci sono stati anche molti momenti belli, che voglio conservare (e che forse monterò in un DVD  a parte): credo che sia sbagliato cancellare tutto con un colpo di spugna (tante ore di lavoro a titolo gratuito) ma, visto che lui è il regista/produttore/sceneggiatore… e pappapero si assumerà le conseguenze.
Sa tutto lui e pensa di farcela senza il sostegno di un computer/montatore degno di questo nome? Che si accomodi.

Mi dispiace per Mamma mia che dovrà trafficare molto col montaggio (montare 1 ora di girato non è comodissimo) e per i ragazzi che dovranno rifare tutto da capo, ma io non posso decidere nulla. Amen.

Sabato sera esco con Sabba (amico che si è tolto dal film per solidarietà nei miei confronti e che ringrazio) e andiamo alla festa di una ragazza che conosco, un po’ di baracca casalinga insomma (con più di 30 persone, pervaderà il Cazzeggio Style Events 😉 ).

Domenica aiuterò Betty (se vorrà) a fare il suo videoclip a cui tanto teneva, così la mia videocamerina continua a riprendere e la sera farò il montaggio dei minuti necessari per il video. Chi ha detto che il ciak si debba fermare per Giova? 😉

Alle prossime news e grazie del supporto dimostrato da tutti, amici e lettori

PS = Alla luce dei fatti anche Betty ha dato forfait: per lei il film era anche un’occasione per vedermi e stare un po’ con me… É bello sapere di avere amici così. Grazie ragazzi.

Marco

Annunci

Commenti su: "I casini della compa" (1)

  1. 1) Cioè, ma dai… Cobain86…
    Ma sei fatto di pastafrolla…
    Xkè stai aiutando il Giova a conquistare
    Mammamia quando lei piaceva a te?

    Ricorda sempre che a essere troppo buoni
    poi ci si rimette, se una cosa la vuoi ottenere
    davvero non sperare che così facendo l’avrai,
    certe cose bisogna saperle prendere… con la forza!

    cobain86–>Mamma mia l’ho spinta da Giova così si rende conto del demente che è e spero faccia marcia indietro. Se non la fa me ne sbatto. Nel frattempo io continuo a conoscere nuove ragazze e la vita prosegue. Ciao ciao Marco
    ——————-**************************————————
    2) Sembra quasi che tu le voglia male a questa povera donna…
    Pensavo fossi pazzo di lei!

    Forse qua sul blog manca qualche passaggio…
    Si era rimasti che il film era una scusa x andare a pomiciare, poi tutto d’un tratto s’è messo in mezzo questo Giova e… e tu ora quasi te ne freghi!?

    Ci dev’essere un motivo

    cobain86–>Hai ragione Anonimo, ho tralasciato un passaggio. Sorry!
    Io non voglio male a Mammamia ma i rapporti si sono affievoliti. Come tu sai ho avuto un sabato sera da chiusura di stomaco quando ho visto i nuovi assetti e ho capito che, per non farmi ulteriormente del male, dovevo spaziare e cambiare, la mia partita era finita.

    Ieri sera Giova è venuto all’Offi e (giustamente) mi ha sconquassato gli zebedei per 40 minuti perchè adesso Mammamia si fa sentire poco anche con lui.. e allora ho capito che è una ruota che gira.

    Credo che in me sia scattato una sorta di meccanismo difensivo ma non ho rimpianti, io ero sincero quando la baciavo. Solo che adesso sto cercando di conoscere nuove persone e quindi sto provando a riprendermi senza portare a casa troppe ferite, tutto qui. Non ti preoccupare, sono duro a morire! 😉
    Marco
    ——————-**************************————————
    3) Ma x far spazio all’amore, quello vero, penso si debba prepararsi anche a soffrire…

    Il tuo meccanismo difensivo magari ti fa star bene da un lato, ma dall’altro ti “vieta” di farti coinvolgere
    e quindi ti vieta di innamorarti.

    Io allenterei un attimino questo tuo blocco, farei un bello sforzo (magari riconquisterei Mammamia) e dopo sarà tutta un’altra storia!

    cobain86–>Il problema, caro Anonimo (volevo abbreviare con Ano ma ho pensato che dopo fosse troppo comico 😉 ) è che lei non vuole una storia, non vuole impegnarsi. Ho conosciuto un altro suo “amico” questo sabato e mi ha detto che anche con lui ha fatto così, è un modus operandi.
    Io ho già dato: per un mese di gioia ne sono stato male 2, direi che ho finito la mia quota. Se lei è emotivamente indecisa e non vuole legami benissimo: io però questa volta passo. Marco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: