Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

The woman in black

the-woman-in-black-poster

the-woman-in-black-poster

Daniel Radcliffe passa da interpretare film PER bambini (anche se gli ultimi episodi di Harry Potter erano più maturi) a film CON bambini: vediamo se il film merita o se è solo il solito bluff per fare botteghino. Buona lettura!

Trama
Una donna disturbata mentalmente si vede sottrarre il figlio dalla sorella grazie al tribunale; morto il pargolo per un banale incidente (la risalita della marea) non avrà degna sepoltura, rimanendo nel fango. La donna, una volta trapassata, decide quindi di riservare una sorpresa agli abitanti del paesino, rovinando le loro vite. Daniel Radcliffe arriva per fare chiarezza e risolvere la situazione.

Realizzazione
Ispirato da un romanzo, sfrutta il binomio bambini e morte: anime innocenti coinvolte in morti atroci, giusto per buttare quel pizzico di simpatia. La regia è magistrale e le scene ad effetto: la suspense è palpabile ed è meraviglioso trovare che abbia ancora qualcosa da dire in questo campo, considerando gli scopiazzamenti e rifacimenti a cui sono inclini film del genere.

Daniel Radcliffe, tuttavia, nelle vesti di un ottocentesco Dylan Dog, risulta leggermente stonato per l’argomento trattato: lui, ancora con un volto da figlio, interpreta il padre di un bimbo senza madre, visto che è deceduta durante il parto. Stonatura a parte la recitazione è buona e abbastanza credibile, gli accostamenti innocenti con i momenti di tensione sono ben alternati e non si rischia l’effetto soporifero.

Dismesse le vesti del maghetto Trallallero vediamo Daniel in una veste diversa, forse un po’ giovane per fare il padre ma già con una consapevolezza diversa, con uno sguardo intenso e con dialoghi ridotti al minimo. Il film è incentrato su un’indagine per capire chi è questa donna e perché infesta la casa, si ricerca il motivo per cui non riesca a raggiungere la pace.

A favore del regista va detto che ha evitato scene cruente o splatter per girare un prodotto godibile senza troppi eccessi, tranne forse qualche “effetto Casper” abbastanza comico quando il fantasma della donna insegue il nostro beniamino, che genera attacchi di risate isteriche in sala.

Giudizio finale
Nel complesso un buon prodotto, un inizio deciso verso una nuova carriera lontana da cappelli, magie e scope infilate in luoghi ameni; si parla di spiritismo ma in modo diverso, convinto, finalmente vediamo Daniel in un progetto diverso dove può esprimere quello che ha imparato sul set in questi anni.

Voto: 7,5/10.

Marco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: