Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

Baustelle - Gli spietati

Baustelle – Gli spietati

L’11 marzo è uscito, come di consueto, il nuovo singolo dei Baustelle che anticipa l’album (che finalmente ha un nome) I mistici dell’occidente. Il singolo è Gli spietati e, per la gioia di noi internauti (o internati, a seconda del punto di vista 😉 ) è già acquistabile su iTunes.

Il 26 marzo (tra 8 giorni esatti) uscirà per il nostro sommo gaudio l’album intero, acquisto che non vedo l’ora di fare (anche per festeggiare il mio compleanno) in formato digitale. Buona lettura! 😉

Una volta ti alzavi la mattina alle 5 e 40, scaldavi una bella pentola di fagioli e dopo aver evacuato l’anima, sereno e contento, ti avviavi a bordo del tuo carretto verso la grande città.
Il somaro ogni tanto si mostrava riottoso ma per convincerlo bastava poco (2 carote scadute) e così, cantando e petando, ci si dirigeva verso il mercato per scambiare due caciotte con pecorini raffermi e pagnotte stantie.

Se abiti a Milano/Roma/Bologna la tradizione continua: ti svegli la mattina, 2 o 3 cambi d’autobus e raggiungi il negozio di dischi per vedere le novità, per ascoltare con le cuffie grandi e nere il nuovo singolo, avvolto dall’odore di cellophan delle custodie (solitamente vuote, un primitivo metodo anti furto), per scambiare due chiacchiere con il tuo amico che fa il commesso sottopagato, per scovare nei dischi a basso prezzo album memorabili.

Se invece sei rilegato nel piccolo paese di provincia ti è rimasto l’asinello e il carretto, è scomparso il negozio di dischi nella città vicina, è rimasto il super-mega-iper mercato che si preoccupa solamente di far posto all’ultimo vincitore di X Factor/Amici/Sanremo, che si fotta tutto il resto.
In alternativa trovi ceste dove, a peso, ti vendono successi degli anni ’70/’80, dischi italiani sconosciuti degli anni ’60 e altro ciarpame ormai pieno di polvere ed ingiallito dal tempo.

In questo senso iTunes è stata una bellissima scoperta: velocità negli acquisti (e nel download), un’assortimento enciclopedico/babelico, prezzi ancora più bassi (album originali a meno di 5 euro), un servizio impeccabile (audio ad alta qualità senza protezioni che posso salvare ovunque); tutto questo ti permette, con una connessione adsl e un centinaio di Mb liberi sul disco fisso, di comprare la tua musica preferita legalmente con ampia scelta.

Come sempre a morire è stato il rapporto umano, la distribuzione fisica, il supporto materiale: però, sinceramente, tra dover scegliere degli album alla Coop con la vecchietta che insulta una mozzarella e un’adolescente che sodomizza l’ultimo di Pupo e Filiberto (tutto ciò contornato da un commesso che ignora nella maniera più assoluta l’esistenza dei Baustelle) beh, scusate, ma preferisco l’iTunes Store.

Mi ascolto 30 secondi di anteprima per brano, ho il booklet digitale a colori, scopro musica che diventa miele nel mio disco fisso e posso trasferire al mio iPod per averla sempre con me.

Se poi fuori piove un bel camino acceso, una tazza di buon cioccolato caldo e un libro: e chi m’ammazza più?

Contro il logorio dei commessi moderni iTunes: la rinascita della musica… liquida!

Marco

Annunci

Commenti su: "Gli spietati e l’arrivo della musica “liquida”" (1)

  1. […] annunciato nel precedente articolo ecco in arrivo la recensione del nuovo album dei Baustelle I mistici dell’Occidente, un colpo […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: