Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

salvatempo_iphone

Il Salvatempo nella catena dei supermercati/ipermercati Coop è un sistema che permette di “leggersi” la spesa da soli, risparmiando una marea di tempo alle casse e velocizzando l’intero processo, migliorando così l’esperienza di fare la spesa. Ma oggi si è evoluto e a Carpi/Modena ci sono degli ipermercati che stanno provando ad usarlo direttamente sullo smartphone. Vediamo come funziona, buona lettura!

Come funziona e perché serve

Il Salvatempo consente di leggere i codici a barre direttamente dal carrello della spesa (e anche di rimuoverli, in caso di ripensamenti): basta strisciare la tessera socio in un punto “raccolta” Salvatempo e ci verrà assegnato un pistolozzo grigio che tramite gli infrarossi memorizzerà il nostro articolo.
La sua principale utilità è di evitare, nei canonici giorni di ressa (il sabato e le aperture domenicali) di fare interminabili file alle casse, con scontrini che finiscono e cassiere che hanno scoperto oggi come si digita un codice a barre manualmente, per non parlare di chi, nonostante ci siano scritte grosse come case, continua a sentirsi dire “Questa è una cassa riservata Coopcard, se non ce l’ha si accomodi nelle altre grazie”.

Il Salvatempo aggira anche il limite degli 8 prodotti, dove potremmo andare alle casse rapide: leggendo tutti i nostri prodotti stampiamo già uno scontrino d’uscita che, prima del pagamento, ci permette di riportare la lista dei prodotti alla cassa automatica e di pagare poi con il sistema che più ci aggrada.

L’Italia rimane però il paese dei furbi: alcune persone disoneste hanno pensato, in mala fede, di leggere meno prodotti rispetto a quelli presenti nel carrello, facendosi così un generoso “sconto sulla spesa”. Queste persone si affidano totalmente alla fortuna, in quanto ogni tot spese (il numero è casuale e stabilito dal computer centrale) viene effettuata una rilettura dalla cassiera, per cui non conviene tentare manomissioni (non fosse altro perché, Salvatempo a parte, i magazzini sono videosorvegliati per cui si vede se qualcuno infogna decine di articoli senza mai passarli al lettore).

Questo sistema funziona in tutte le Coop circuito Estense ed è quello che abbiamo ancora oggi. Ma in alcuni centri stanno sperimentando il futuro.

Cosa mi serve per essere “nel futuro”

Serve uno smartphone, cioè un telefono con funzioni avanzate di connettività ad Internet e una fotocamera incorporata, in modo da poter leggere i QR CODE per iniziare la spesa e i codici a barre classici dei prodotti. Per smartphone intendiamo iPhone, iPad e smartphone con il sistema operativo Android (per il momento funziona solo con questi). Inoltre dobbiamo essere soci Coop, per cui se vogliamo utilizzare il servizio dobbiamo prima diventare soci (la quota è irrisoria e in un anno, grazie ai vari sconti, è già abbondantemente ammortizzata).

Come si fa per attivare il sistema sul mio smartphone

Una volta in possesso dello smartphone andiamo nel negozio di applicazioni, in base al nostro sistema operativo:

  • per Apple (iOS): App Store
  • per Android: Android Market

Al momento gli unici dispositivi supportati sono questi:

– Iphone 3GS, Iphone 4, Iphone 4S, Ipad 2 – Richiede iOS 4.0 o successivi

– Android 2.1 o successive – Schermo almeno HVGA (320×480) – Fotocamera con Autofocus

Scarichiamo l’applicazione Salvatempo (il logo è lo stesso riportato qui sopra); il test l’ho effettuato con un iPhone 4S e l’App Store. Una volta scaricata dovremmo leggere il codice a barre della nostra carta socio e poi far vedere la mail che abbiamo ricevuto al responsabile del Punto di Ascolto, che ci attiverà il servizio: basterà poi collegarci alla rete wi-fi indicata dall’addetto (es. Borgogioioso) e, leggendo il QR CODE all’entrata potremo dare il via alla nostra nuova spesa.

I vantaggi

Rispetto al sistema “tradizionale” (ficca dentro nel carrello e poi fiondati alla cassa) questo sistema permette di controllare il costo della spesa articolo dopo articolo, evitando amare sorprese alla cassa (ultime parole famose: ma io credevo di aver speso…). Con un tasto scansiono, con l’altro decido la quantità (utile per selezioni multiple, ad esempio acqua e vini) e aggiungo alla lista. Se mi pento rifaccio la scansione premendo il tasto “-” e lo cancello dalla lista della spesa. È ovvio che con questo sistema bisogna stare attenti a chi butta selvaggiamente nel carrello (figli, nipoti, cognati, madri che non facevano spesa dal ’58) senza dire nulla al responsabile del Salvatempo, in quanto tutti gli articoli devono essere passati o rimossi prima di abbandonare il carrello.

Ma una volta fatta l’abitudine (lo uso ormai da anni) è un sistema molto efficiente e comodo, che permette – sia con pochi che con tanti articoli- di ridurre drasticamente i tempi della fila alle casse, grazie al fatto che il tempo che perderemmo in coda viene recuperato: si perdono quei pochi secondi nell’aggiungere l’articolo o a toglierlo, ma è una questione veramente minima (è tutto tempo guadagnato).

La spesa diventa anche più igienica se utilizzo il mio telefono anzichè un pistolozzo usato da tutti per tante volte al giorno; evitiamo il gel per le mani e, con il nostro amato smartphone, passiamo tutti gli articoli senza bisogno di dover impegnare le mani con un altro dispositivo ancora (senza contare che, ormai, il sistema operativo di questi pistolozzi è un po’ vecchiotto e inizia a mostrare i segni dati dall’età).

La connessione necessaria (wi-fi) è gratuita per cui non avremo spese e/o rallentamenti dati solitamente dalla connessione cellulare 3G (e questa è una cosa apprezzabile, perché di solito i problemi con questi dispositivi sono legati alla potenza di connessione e alla velocità di scaricare/caricare dati aggiornati).

Svantaggi

Se una persona non è pratica e non tiene aggiornata la sua spesa, quanto preso non coinciderà con il Salvatempo; inoltre gli smartphone non hanno una durata illimitata della batteria; meglio quindi portarlo al centro commerciale dopo aver fatto una carica completa in auto/ufficio/casa, in quanto le applicazioni di questi dispositivi sono abbastanza esigenti (mai come i giochi, che sono dei prosciuga-batteria eccezionali) e con tante applicazioni aperte potremmo avere un calo di potenza.

Tra le altre cose stiamo facendo anche un favore alla Coop, in quanto usiamo un nostro dispositivo ( per cui ci accolliamo, indirettamente, la ricarica delle batterie, la manutenzione e via elencando).

Inoltre stiamo testando un servizio ancora sperimentale, quindi qualche piccolo disservizio può ancora capitare; ma credo che la comodità di evitare file bibliche alle casse e di poter aver già tutta la spesa scansionata al momento di andare in cassa nel palmo della propria mano superi ampiamente gli eventuali svantaggi sopra descritti.

Concludendo

Anche se presso la popolazione più “matura” magari questa potrà sembrare una soluzione inutile o, quantomeno, assurda ho buone speranze (e ragioni) per pensare che questo sia il futuro; già a Chicago utilizzano un sistema analogo di pagamenti (addirittura in America utilizzano anche i micro-pagamenti tramite RFID) e se Coop lo sperimenta con successo (visto che lei ha abbondanti risorse per gestire la fase di sperimentazione e implementazione) probabilmente si diffonderà anche in altri esercizi/per altri utilizzi, rendendo gli acquisti più snelli e agevoli, abbattendo drasticamente i tempi di attesa che di solito ci bloccano nei centri commerciali.

Il mio consiglio è di provarlo, è una cosa nuova e ha tanti potenziali benefici in termini di autonomia del cliente, permette di gestire la propria spesa e i costi in modo semplice e diretto, sul proprio smartphone, senza intermediari, rendendo la spesa più veloce e divertente.

Volendo lasciarvi un ultimo consiglio eviterei di farci giocare i bambini: magari per gioco leggono due prodotti in più, li cancellano, fanno pasticci credendo di usare un videogioco e non si rendono conto che in realtà, alla cassa, la responsabilità finanziaria (e non solo) è vostra per cui se volete farli provare sarà molto buffo ma buttateci sempre un occhio: i grandi, i maturi dovreste essere voi 😉 .

Buon Salvatempo a tutti!

[Centri abilitati: Ipercoop Il Borgogioioso  Via dell’Industria, 31 Carpi (MO) 41012 – Ipercoop Grandemilia Via Emilia Ovest, 1480 Modena 41123 –
Via Vignolese (centro commerciale I Gelsi)  Via Vignolese, 835 Modena 41125. A Mirandola ho chiesto ma per ora è ancora in fase di implementazione,
non è attivo]. Per maggiori informazioni: Salvatempo Coop Estense.

Marco

Annunci

Commenti su: "Il Salvatempo “intelligente”" (1)

  1. La tecnologia da tempo è una grossa alleata dell’operato dell’uomo. vero è che si riducono anche i costi della mano d’opera, ma lei meriterebbe di essere solo al mondo per godere di questi strumenti. aggiungo che le inutile cassiere che non sanno digitare manualmente codici, parenti trogloditi e salvatempo carichi di batteri non saranno presenti sulla sua strada.
    cobain86–> L’articolo è scritto in senso ironico e in ogni caso si parla di una nuova possibilità di fare la spesa, tutto qui. Rimango convinto che ci siano tante cassiere, parenti e salvatempo educati, puliti e gentili ma in alcune occasioni si sono presentate situazioni divertenti che sono state riportate in questo articolo a puro scopo dimostrativo, non ho mai detto di fare tutta l’erba un fascio. Buon proseguimento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: