Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

The butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca

The butler – Un maggiordomo alla Casa Bianca

Il favorito per gli Oscar di quest’anno, un film sui diritti civili e sulla loro importanza vitale per la nostra democrazia: buona lettura! 
Trama
Attraverso gli occhi di un ex schiavo cresciuto nei campi di cotone osserviamo i cambiamenti che l’America ha subito negli ultimi 50 anni, le lotte e le discriminazioni praticate nei confronti delle persone afroamericane.
ll film
Già dal cartellone notiamo molti personaggi noti, tra cui Oprah Winfrey (controlla) e Mariah Carey, oltre a Robin Williams in un ruolo minore come Presidente degli Stati Uniti d’America. Lo shock provato da questo bambino e la sua emancipazione (“imparerai a diventare un nero di casa”, dice la padrona) gli consentiranno impieghi sempre migliori, fino ad arrivare alla Casa Bianca.
Le discriminazioni però non accennano a diminuire: le rivendicazioni sudiste del Ku Klux Klan, le torce infuocate e roventi, le bastonate e le notti passate in galera non riescono a fermare uno dei suoi figli, che dopo (e anche durante) aver conseguito una laurea in legge, decide di combattere questa crociata per i diritti civili.
L’altro figlio decide di compiere una scelta opposta: anziché combattere il proprio Paese decide di servirlo e si arruola volontario per il Vietnam, con un esito abbastanza prevedibile (le persone di colore venivano schierate nelle prime linee senza troppi complimenti).
Il nostro protagonista arriva a rinnegare il figlio laureato in legge che combatte per i propri diritti civili, rendendosi conto successivamente di aver perso la propria identità: dopo aver fatto ottenere la stessa paga e possibilità di carriera per i domestici di colore alla Casa Bianca decide di riappacificarsi con il figlio, recuperando un rapporto logoro e rinnovandolo.
Il film, pur avendo una sceneggiatura molto lineare, è ben diretto e coinvolge lo spettatore con immagini forti e crude quando è necessario, senza mezzi termini: ci riporta al clima e alla tensione di anni roventi e sanguinari, dove affermare la propria eguaglianza significava rischiare la propria vita.
Il tema è molto forte e il film risulta intenso, con pochi fronzoli scegliendo una strada, a tratti, documentaristica.
Ispirato ad una storia vera, è uno spaccato di storia moderna che noi europei abbiamo vissuto per “sentito dire”, avendo avuto problematiche diverse nel dopoguerra. Vederlo raccontato così aiuta a ricordarsi che molti diritti ormai scontati sono stati combattuti con sangue e passione,
pagando in alcuni casi un prezzo troppo alto per rivendicare un diritto elementare e basilare come l’uguaglianza.
Una buona occasione per riflettere, una bella serata al cinema. Consigliato.
Voto: 8/10
Marco
Annunci

Commenti su: "The Butler un maggiordomo alla Casa Bianca" (1)

  1. Se ti va di goderti un altro bel film con Robin Williams, ti straconsiglio “Will Hunting – Genio ribelle.” E’ uno dei film più belli che abbia mai visto – e non lo vedo dai tempi del liceo, quindi non é un parere espresso a caldo.
    cobain86 –> Grazie mille del consiglio, già visto 🙂 ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: