Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

Ritorno a Mavericks

Migrate Assitant

È possibile dopo un aggiornamento tornare indietro? E soprattutto quali sono le motivazioni per farlo? Un breve sunto del motivo per cui Mavericks, forse, ha ancora qualcosa da dire. Buona lettura!

Premessa

Con tanto entusiasmo e dopo il solito backup a settembre 2014 ho fatto l’aggiornamento del mio iMac e Macbook del 2008 a Yosemite, affascinato dalla grafica ripulita/alleggerita e dai brucianti tempi in accensione e spegnimento. Ho apprezzato anche il nuovo font, leggero ed elegante, che ha permesso di snellire i menù di sistema.

Il fatto

start_blurring

Dopo otto mesi di utilizzo ho riscontrato un bug grafico molto fastidioso, riportato ampiamente sia sui forum Apple ufficiali che sulle varie comunità indipendenti. Il font Helvetica Neue è splendido visualizzato normalmente; lo diventa un po’ meno quando, a sua discrezione, decide di sfumare.

Il problema è che sfuma tutti i menù di sistema (e anche quelli di Firefox, che a quanto sembra condividere delle librerie di sistema), rendendo praticamente impossibile il lavoro. L’unica soluzione certa è il riavvio o il logout dell’utente (rifacendo il login il problema scompare, ma può ripresentarsi anche 4/5 volte al giorno).

Purtroppo nessuna delle soluzioni proposte da altri utenti ha sortito effetto: togliere l’arrotondamento dei font, le trasparenze delle finestre che permettono di intravedere lo sfondo, cambiare il font di sistema con il Lucida Grande per avvicinarlo a Mavericks… Niente è servito.

Ho aspettato ben tre aggiornamenti di sistema (fino al 10.10.3) per vedere se questo bug venisse risolto ma non c’è stato verso. Probabilmente le schede video datate con 256 MB di memoria (la mia è una ATI Radeon HD 2600 Pro 256 MB) non reggono a pieno regime il carico grafico di Yosemite e, ad un certo punto, quando partono Photoshop e Illustrator, vanno in coma e sfumano il carattere di sistema.

Da notare che, con lo stesso carico di lavoro su Mavericks (e anche Mountain Lion, Lion e Snow Leopard), questo problema non è mai comparso. Mai.

Il mio Macbook non sembra affetto da questo disturbo e quindi al momento preferisco aspettare per il downgrade. Anche gli altri Mac che di solito gestisco (dal 2009 in poi) non sono sintomatici, per cui dev’essere un problema legato solo ad alcune schede grafiche (che però a Cupertino, nonostante tutti i thread aperti, non hanno voluto/potuto risolvere).

La soluzione?

Se scarichiamo l’installante dall’App Store (così otteniamo la versione più aggiornata) e proviamo a lanciarlo ci risponde che “Questa copia di OS X è troppo vecchia…” per cui non parte nemmeno. Lanciando il sistema con una chiavetta esterna (preparata come chiavetta d’avvio auto-installante) arriva ad un certo punto e poi si blocca. L’unica è il ripristino da Time Machine o il “formattone“, ovvero un’installazione pulita da zero.

Il mio ultimo backup con Mavericks risaliva a settembre 2014, per cui me ne facevo ben poco, avendo in questi otto mesi aggiornato programmi, cambiato dati e fatto varie modifiche al sistema. Dopo aver copiato i dati su un hard disk esterno che utilizzo per i backup occasionali ho fatto l’avvio dalla chiavetta, formattato il disco principale e re-installato Mavericks da zero, copiando poi successivamente i miei dati.

Gli applicativi li ho reinstallati, ho un foglio con tutte le licenze per cui non è stato un grosso dramma. Un trucco utile che ho imparato negli anni è stato copiare il portachiavi di sistema e i segnalibri di Safari, in modo da poter recuperare tutte le mie password e siti web. In questo modo è bastato importarli nel nuovo sistema per poter essere operativo fin da subito senza perdere nessun dato, a parte il vecchio sistema operativo.

Credo che questo bug grafico sia stato l’unico, pesante, fastidioso difetto comparso in otto mesi di lavoro. Altre cose come le notifiche dei messaggi (SMS) del telefono a schermo sono ridondanti al limite (è inutile inviare al Mac le notifiche di messaggi letti e cestinati ore fa) o leggermente irritanti (il bianco sparato che fa da sfondo alle finestre è un pugno per gli occhi, è molto intenso). Per il resto ben venga la grafica semplificata e razionalizzata, credo che sia il futuro e l’ho molto apprezzata già durante la presentazione al keynote.

Ma prima di tutto per me viene la stabilità di sistema: un sistema operativo che glitcha e inizia a sfumare tutti i menù di sistema ogni 2/3 ore per me non è accettabile. Il bello del Mac è il poter lavorare senza distrazioni e avere i menù di sistema che sfumano come se non avessi gli occhiali è solo qualcosa che mi rallenta, fa perdere tempo in logout/login continui o in riavvii di sistema. Sinceramente preferisco un sistema meno cool se volete ma stabile, che accetta il duro lavoro e non parte con libere iniziative.

Alla prossima,

Marco

Elaborazioni grafiche by Cobain86

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: