Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

La rivoluzione Iliad

iliad_rivoluzione

Un nuovo operatore telefonico propone di fare tabula rasa della concorrenza, portando chiarezza e trasparenza. Vediamo i dettagli insieme, buona lettura!

Premessa

Iliad_17

I dati qui riportati sono stati fotografati e citati dal keynote Iliad del 29 maggio 2018. Non ho ricevuto compensi per redigere questo articolo e mi sono documentato anche da altre fonti, al fine di comprendere meglio le tempistiche dell’operatore e le dinamiche. Questo articolo non è stato approvato, redatto o corretto da Iliad. I dati sono corretti, aggiornati e testati al 12 giugno 2018.

L’antefatto

Negli ultimi mesi, in Italia, molti di voi avranno notato un aumento della spesa telefonica: non solo paghiamo le tariffe più alte d’Europa (a parità di servizio e, in alcuni casi, con un servizio inferiore) ma tra tariffe anticipate a 3 settimane anziché 4, servizi di default trasformati in costosi extra (segreteria, richiamami e via elencando) gli operatori telefonici battono cassa a ritmo continuo.

Iliad_03

I miliardi realizzati con gli SMS (costo effettivo inferiore al centesimo) appartengono al passato e ora si combattono a forza di GB, vero vessillo di cui vantarsi (io ne ho 20, tu ne hai 30, mamma mia e così via).

Con Vodafone, in data giugno 2018, avevo raggiunto la bellezza di 25 euro mensili per 1.000 sms, 1.000 minuti e 30 GB in 4G; nota positiva i GB legati al consumo mappe venivano offerti gratuitamente.

Stanco quindi di una situazione stantia dove nulla cambia (sono cliente da 16 anni e l’unico premio che amavo, le ricariche, l’hanno rimosso brutalmente) ho deciso di guardarmi intorno, per valutare dove potessi investire al meglio i miei soldi.

Chi è  ILIAD?

Iliad_57

Profilazione dell’utente medio Iliad

Iliad è la Ryanair telefonica: tanti servizi, buona copertura voce e Internet, prezzo decisamente aggressivo. Viene definita la “Vodafone francese”, è un colosso che sta colonizzando l’Italia rimescolando le carte in gioco.

Vediamo quindi le differenze tra gli operatori tradizionali e la neonata Iliad.

Durante il keynote tenuto il 29 maggio 2018 possiamo notare un certo amore per Apple: lo stile è stato copiato pedissequamente, polvere inclusa al lancio del prezzo definitivo Iliad (il prezzo atterra sollevando un polverone).
Lo schema è stato studiato attentamente e, partendo dall’insoddisfazione generale, si arriva alla delineazione del profilo-tipo dell’utente Iliad.

Il relatore non mi ha impressionato particolarmente: attento, bravo ma dalle micro-espressioni si è visto che, in alcuni punti, non credeva a ciò che stava dicendo.

La situazione italiana

Iliad_23

In Italia l’Antitrust sta indagando perché, a quanto pare, le compagnie telefoniche italiane stanno attuando le stesse logiche delle lobby americane: fanno “cartello”, cioè impongono dei prezzi a priori e quando attuano delle modifiche lo fanno tutte insieme, senza distinzioni. Ciò porta, ovviamente, ad un mercato con 7 operatori (di cui quattro big player: Vodafone, Tim, 3 e Wind) che fanno quello che vogliono.

In queste libertà discrezionali troviamo…

  • Contratti da 20 pagine pieni di postille (il contratto di Iliad è di una sola pagina, ndr)
  • Tariffe poco chiare
  • Costi dei servizi mascherati in ogni modo possibile (150 cent equivalgono a 1,50 euro: cambiare la forma non cambia la sostanza)
  • Tasse imposte dagli operatori (come la “tredicesima” che si sono regalati inventandosi un mese inesistente)
  • Call center che ti mettono in attesa per ore
  • Siti web dove la gestione della SIM è resa complicata dalle 300 opzioni presenti.

È una giungla di tariffe dove sono necessarie almeno 25 ore per un’offerta comparata dei 7 principali operatori, senza considerare i costi nascosti che emergono una volta stilato il contratto.

Iliad_24

L’AGCOM multa queste grandi compagnie ma, a fronte di una multa da 18 milioni di euro, loro se ne fregano: hanno guadagnato 4 miliardi di euro (come 350.000 Fiat Panda, citando lo speaker), per cui per loro sono briciole di pane.

Iliad_25

Cosa offre Iliad

Iliad_52

A fronte di soli 6 euro al mese, per sempre e senza vincoli, troviamo minuti + sms illimitati e 30 GB di Internet in 4G+.
Questa è una differenza sostanziale, in quanto l’operatore Kena Mobile offre un servizio molto concorrenziale ma se parliamo di Internet sfrutta ancora la connessione 3G (una connessione di seconda scelta, insomma).

Iliad_46

A differenza degli operatori standard, dove ogni balzello si paga, Iliad nei 6 euro dell’offerta include tutti i servizi principali, considerati di default:

  • SEGRETERIA TELEFONICA
  • MI RICHIAMI
  • Niente SCATTO ALLA RISPOSTA
  • Niente spesa extra per il PIANO TARIFFARIO
  • HOTSPOT
  • CONTROLLO CREDITO RESIDUO
  • DISATTIVAZIONE SERVIZI A SOVRAPREZZO
  • Segreteria visiva
  • Visualizza numero chiamante
  • Controllo consumi
  • Avviso di chiamata (se hai il numero occupato)
  • Blocco numeri nascosti
  • Chiamate rapide
  • Filtro chiamate e SMS
  • Inoltro verso segreteria telefonica all’estero
  • SOS Ricarica

Altra freccia a vantaggio di Iliad è la totale gestione dal pannello web (che vedremo nel prossimo articolo): come potete notare dallo screenshot è semplice, veloce, senza fronzoli. Non serve mandare sms o aspettare ore al call center: due click di mouse e il problema è risolto.

Notevole anche la gestione della segreteria: via mail posso ricevere il file audio con il messaggio della persona che mi ha cercato, una cosa mai vista con altri operatori.

Doppia modalità di pagamento: è possibile utilizzare una prepagata (per cui basta ricariche) oppure effettuare una ricarica manuale.

Le (poche) note negative

Non è tutto rosa fiori e anche questa medaglia ha il suo rovescio.

Vediamo i pochi aspetti che potrebbero farci desistere dal cambio operatore:

  • Mancanza app dedicata: Stanno testando l’app Android e, a fronte di una collaborazione stretta con Apple, speriamo che arrivi anche la versione iOS.
  • Reti non proprietarie: Al momento iLiad utilizza le frequenze di Wind (Ran sharing). Non ha antenne proprie, in quanto ZTE ha avuto problemi negli Stati Uniti e la fusione tra 3 e Wind (che ha comportato l’installazione di nuove antenne) si è al momento fermata.
    A breve i siti dismessi da Wind diventeranno le nuove antenne iLiad. È solo una questione di frequenze: la velocità del servizio non rispecchia obbligatoriamente quella di Wind.
  • MMS a pagamento: Gli SMS evoluti detti MMS che nessuno più utilizza (dovevano essere il nuovo standard, poi è arrivato Internet e Whatsapp) costano 0,49 cent l’uno. Non inviateli 🙂
  • Gestione 90% web: Per chi ha qualche difficoltà con il computer è possibile gestire la SIM via sms (nel foglio di attivazione riceverete tutti i numeri): tuttavia auspichiamo un’app dedicata al più presto, per evitare di dover consultare il sito ogni singola volta e rendere più agevole il processo di ricarica.
  • I GB europei: Nella comunicazione europea sembra che i 2 GB dedicati si vadano a sommare ai 30 GB italiani, ma al momento non è così. In Europa hai 2 GB dedicati, stop. Vedremo in futuro.
  • Offerta unica: Al momento c’è una sola offerta disponibile. Attendiamo una maggiore differenziazione (almeno 2/3 pacchetti), in modo da valutare la reale competitività anche per targhe più esigenti.
  • Consegne interminabili: Se effettuate la verifica dell’identità online vi spediscono la SIM con Nexive. Evitate. Chi l’ha fatto ha avuto ritardi mostruosi e una dilatazione dei tempi di consegna notevole.
    Fotocopiate la carta d’identità e sfruttate l’espresso Bartolini (BRT).
  • IP francese: Nei primi giorni di attivazione è scattato l’IP francese, per cui TIM ha addebitato tariffe internazionali salatissime (prontamente rimborsate). Ad oggi l’IP è italiano, per fortuna.
  • Pochi punti fisici: Essendo appena sbarcata in Italia iLiad i Simbox (altra rivoluzione: prendo la scheda dal distributore automatico), i negozi fisici e i corner nei centri commerciali sono concentrati nelle grandi città. Occorrerà un po’ di tempo prima di assistere ad una diffusione capillare su tutto il territorio.

Tuttavia molti di questi sono difetti di gioventù, dati da un operatore appena sbarcato in Italia. Nei prossimi mesi, vista la potenza con cui si è affermato in Francia, seguirò le vicende per potervi aggiornare su ulteriori sviluppi.

Raccogliendo informazioni in giro ho scoperto che questo lancio, com’era immaginabile, è stato pianificato da mesi: strano quindi assistere a questi disservizi, seppur temporanei.

Domani vedremo insieme come effettuare la portabilità del numero senza traumi, sorprese o incidenti, insieme alla recensione finale su questo nuovo operatore.

Buona giornata!

Marco

Annunci

Commenti su: "La rivoluzione Iliad" (6)

  1. SIM arrivate ed attivate venerdì, MNP avvenuto questa mattina.
    Navigazione nella media bassa, spesso in 3G.
    L’IP però risulta italiano.
    Alcuni acciacchi al sito (non funziona l’attivazione del codice di protezione della segreteria telefonica, per dirne una su tutte) ma che verranno probabilmente risposte.
    Gli MMS – ormai anacronistici nell’era di iMessage e WhatsApp – sono l’unica cosa a pagamento, così come lo sono per tutti gli altri operatori.
    Per il resto, spendendo la metà di quello che spendevo prima posso accontentarmi. Inoltre da 1000 minuti e 100 sms sono passato ad illimitato. e da 7 a 30 GB.
    Altra cosa, con l’operatore precedente ogni volta che le linee erano sature non riuscivo a fare chiamate, ora voglio proprio vedere, non ho sufficienti dati per azzardare ipotesi.

  2. Ora che l’ho provata per qualche giorno posso già darne un giudizio.

    TRASFERIMENTO DEL CREDITO RESIDUO DAL VECCHIO OPERATORE

    Il giorno antecedente all’MNP ho richiesto il mio credito residuo a Wind e mi è stato comunicato che fosse di 9,00€ mentre Iliad mi ha accreditato solamente 8,01€.
    Ho chiesto in merito

    LINEA TELEFONICA

    Effettivamente la qualità non è eccelsa: mi trovo spesso ad 1 tacca dove con Wind prima ero a 4 o 5 e in alcune situazioni anche stando fermo alla scrivania, il cellulare andava in “Nessun servizio”.

    LINEA DATI

    La linea dati è ballerina ed ogni tanto lo noto perché all’improvviso mi arrivano 30 messaggio su WhatsApp che non mi sono stati consegnati a tempo debito, pur stando sempre fermo alla scrivania. (In questi giorni ho disattivato il WiFi proprio per effettuare queste prove)
    Il contatore sul sito di Iliad non è realistico, pochi secondi fa segnava 101MB, mentre ora ne segna 102MB nonostante al momento il mio telefono sia spento.

    SERVIZI AGGIUNTIVI

    Sul sito l’aggiunta del numero di sicurezza alla segreteria non funziona: entri nella pagina, inserisci il codice ma appena invii il form, torna alla pagina principale senza impostare la cosa.

    Il servizio di inoltro dei messaggi della segreteria alle email semplicemente non funziona: puoi indicare la tua mail e se vuoi solo una notifica oppure che venga allegato il file audio, ma alla fine ho scoperto di aver ricevuto il messaggio in segreteria solamente via SMS. E’ però possibile vederli ed ascoltarli dall’area personale del sito stesso di Iliad.

    Funziona invece il servizio di blocco dei numeri nascosti che vengono direttamente rediretti alla segreteria telefonica.

    Non ho provato gli altri servizi aggiuntivi.

    CONCLUSIONI

    Era ovvio che pagando meno si avrebbe avuto meno, ma alcuni di questi problemi verranno sicuramente risolti con il tempo, inoltre non mi danno più di tanto fastidio, come già spiegato prima in quanto sono coperto da WiFi su fibra ottica almeno il 90% del tempo.
    Continuerò a riportarvi ulteriori informazioni.

    • Grazie mille per il feedback! Ho scaricato l’app Speedtest per ottenere dati reali e concreti, nei prossimi giorni pubblicherò i risultati.
      In casa ho 3 tacche su 5, per cui la ricezione è buona. Proverò a breve il servizio dati appena conclusa la portabilità.
      La differenza di traffico è data dalla commissione che il vecchio operatore si trattiene per il trasferimento di credito (es. Vodafone 1,50 euro).

      • Devo correggere me stesso su un punto, quello della segreteria che non inoltrerebbe i messaggi via mail.
        In effetti ciò è vero se la telefonata è stata rediretta verso la segreteria telefonica dal servizio che blocca i numeri nascosti, mentre se la telefonata è una normale telefonata a cui non riusciamo a rispondere di li a breve ci giungerà una mail contenente i seguenti dati: numero di telefono di riferimento (nel caso, ad esempio, aveste più numeri e li gestiste tutti con la stessa mail), numero di chi ha chiamato, data e ora della telefonata, durata del messaggio.
        Fa strano invece che il messaggio sia in formato WAV PCM ALAW mono 8000Hz a 16 bit per campione e non transcodificato con un più efficiente file MP3.
        Per un messaggio di 4 minuti (credo durata massima, in quanto mi è stato lasciato vuoto), il file è di pocco inferiore ai 2 MB, mentre convertito in MP3 sarebbe solo 120KB…

  3. Stanno lavorando parecchio sul sito, quindi oltre alla nuova sezione “ASSISTENZA” piena zeppa di informazioni e semplicissimi tutorial con schermate esplicative, hanno ora risolto l’aggiunta del codice alla segreteria telefonica.
    Di bene in meglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: