La tastiera è una tavolozza e la fantasia la mia tela

Archivio per la categoria ‘cinema’

Piccoli brividi – Goosebumps

goosebumps_5Da un successo editoriale a un film che scuoterà le vostre coscienze: sono tornati i Piccoli brividi. Buona lettura!

(altro…)

Resident Evil Afterlife

Resident Evil After Life

Resident Evil After Life

Il trailer suscita già emozioni palpitanti: il 3D più stupendo della storia (e detto dopo Avatar serve una buona dose di coraggio). Ma il coraggio qui non manca, per l’ennesima sparatoria a suon di zombie: vale il biglietto o conviene prenderlo a noleggio? Recensione sincera per un film costruito sull’illusione: buona lettura!

(altro…)

Zona d’ombra – Concussion

Zona d'ombra - Concussion

Il football può portare alla CTE (encefalopatia cronica traumatica): é pericoloso come il pugilato e/o altri sport da contatto. Credete che all’America interessi? Buona lettura.

(altro…)

Sony a scuola

Sony sbaglia la grammatica italiana

Sony sbaglia la grammatica italiana

Sony è una multinazionale con un fatturato da diversi milioni di dollari all’anno. Ne spende altrettanti in pubblicità e promozioni, testimonial, produzione cinematografica. I suoi film arrivano in tutto il mondo. Eppure l’italiano rimane un mistero per la multinazionale nipponica.  Buona lettura!

(altro…)

Don Camillo e Mediaset

Don Camillo

Don Camillo

In Italia la pazzia è di moda e le stranezze si susseguono senza continuità. Succede in questo mondo piccolo (citando Guareschi) che i DVD di Don Camillo abbiano prezzi astronomici, circa 20 euro a film (e sono degli anni ’50). Come mai questo mistero? C’è un modo legale per risparmiare? Buona lettura!

(altro…)

Wall Street

Wall Street_statua del toro

Wall Street_statua del toro

Ispirato dall’enorme successo del primo blockbuster Wall Street (1987) calca di nuovo le scene dopo 23 anni. Vale la pena vederlo o è solo un misero seguito? Il denaro non dorme e noi lo seguiamo: ecco la recensione, buona lettura!

(altro…)

Sex and women

The-Danish-Girl

Sex and the city fa scuola, ma anche i registi hollywoodiani non scherzano. E così giù titoli su titoli (ovviamente soft core, s’intende) che sviscerano la psiche femminile sotto le lenzuola, che inquadrano donne che rievocano una liberazione sessantottina sul punto di vista sessuale. Ma è veramente così? Buona lettura!

(altro…)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 263 follower