Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

Articoli con tag ‘Apple’

La rimozione di Office 2011

Office 2011_Academy version

Office 2011_Academy version

Stamattina mi appresto a preparare dei cartelli formato A4 da incollare su pacchi da spedire in solaio. Apro Word e voglio cambiare font, ma non ci riesco. Vediamo come disinstallare Office 2011 senza perdere la dignità (e soprattutto la mattina intera). Buona lettura!

(altro…)

Annunci

Greenpeace e la tecnologia amica

Greenpeace_greenrating

Rating tecnologico, Greenpeace mette la zampa: buona lettura!

(altro…)

Happy birthday. To me

informatica

Oggi è il mio compleanno, festeggiamo un altro giro della Terra intorno al Sole, “una scusa come un’altra per essere felici” direbbe Cameron in un episodio di House.
Oggi voglio parlarvi della mia passione per l’informatica, com’è nata, perchè la porto avanti, cosa mi ha interessato: buona lettura!

(altro…)

Problemi di lingua

dizionario

dizionario

Con Leopard e Snow Leopard possiamo fare praticamente di tutto, dalla programmazione avanzata all’home entertainment. Il problema è che, nonostante le varie release ed aggiornamenti nessuno aveva mai pensato a creare un dizionario italiano per il Mac. Vediamo come risolvere grazie all’utilissimo plug-in di Stefano Donadio. Buona lettura!

(altro…)

iPad: Apple innova ancora

iPad: Apple innova ancora

iPad: Apple innova ancora

Quando nelle lande desolate si armeggiava ancora con il badile, nel lontano 2010 venne lanciato questo oggetto misterioso denominato iPad. Buona lettura!

(altro…)

Per una mela in meno e MacDefender

apple_cmd_art

Oggi voglio portarvi la storia di una mela, una piccola e soffice forma che è scomparsa dal 2006 su tutti i computer Apple. È la storia dell’innovazione, della possibilità di cambiare le cose semplificando la vita anzichè complicandola. E parlerò anche del famoso malware MacDefender, promesso. Ready? Buona lettura!

(altro…)

Ciao, Steve

steve-jobs_statuetta
È luogo comune pensare che il capitano, per fedeltà e dedizione, decida di affondare assieme alla propria imbarcazione. Quando però questa nave si chiama Apple e vale quasi 400 dollari ad azione, la lungimiranza suggerisce di lasciare il posto ad un degno successore. Parliamo dell’addio di Steve Jobs alla Apple; buona lettura.

(altro…)